Categoria: Parole Sparse

Maschere

Sparse sulla terra nuda vesti e maschere della tua anima passata. Tutta finzione dietro i tuoi occhi chiari. Non una verità fuori da quelle labbra carnose, che mi strinsero in una morsa. Non un sentimento da quel cuore arso di ghiaccio. Dietro un velo dipinto il…

Vuoto

Non germoglia più il verde da quando manca il tuo piede a sfiorare la terra umida. Non più gabbiani a guardare il mare, non più nessuno a sorvolare l’eterna distesa. S’è spento anche il viola della primula, è sbiadita l’orchidea. Un prato incolto mi hai lasciato.…

Scomparsa

Tra le gocce di rugiada, tra gli arbusti incolti, tra le pietre dure e i fiori profumati, sei sparita. Lentamente sei scivolata via, sempre meno nitidi i tuoi contorni, sempre più evanescente il tuo viso. Prima la curva del collo, poi la rossa linea delle labbra,…

Autunno

È il calar del giorno, é l’attimo che immobile mi mostra il suo viso. È l’oro autunnale che silenzioso si lascia guardare. Con gli occhi persi tra le sue impalpabili sfumature, é tutto vuoto é tutto sfiorito. Il cielo l’albero noi due.

L’odore addosso

Eri la mia lunga estate caldissima, le striature di sale che bruciano sulla pelle abbronzata, le capriole di odore di mare che si infrangono nei polmoni come le onde sullo scoglio. Eri i milioni di secondi trascorsi ad occhi chiusi sdraiati sotto il sole, per fingere…

Fango

Sagome verde militari una accanto all’altra Fucili neri puntati su di lui, Occhi persi nel vuoto, Brividi di freddo o di paura. L’ultima lettera sgualcita stretta in mano E una fotografia Col viso di donna sbiadito dal tempo. Fotogrammi di vita passata. Il colpo di fucile…

Come un sogno

Ad ogni passo era sempre più pesante trascinare la tua assenza. In casa risuonava, con un silenzio assordante, la mancanza della tua voce. Avevi svuotato i cassetti dei tuoi vestiti e dei miei sogni. E in ogni oggetto sembrava nascondersi il tuo nome, e in ogni…

Capelli corvini

Si guardò allo specchio e vide solo ciò che mancava. Si accarezzò la testa e sentí solo la mancanza dei suoi morbidi capelli corvini. Erano soffici e sapevano di buono. Le mancava terribilmente quell’odore di balsamo e di fiori, quel profumo familiare che aveva lasciato spazio…

Lacerano la pelle

  Lacerano la pelle quelle frasi ripetute in coro, come fossero una lama che affonda lentamente nelle membra. Provocano dolore quelle parole scagliate, come fossero sassi che colpiscono un corpo già martoriato. Crudeli, spietate, quelle lettere in fila feriscono più di qualsiasi altra punizione, e mentre…

Fotografare

Fotografare significa imprigionare un attimo, rinchiudere un singolo istante in un’immagine. Andare contro le leggi della natura e cogliere un viso che non invecchierà, un oggetto che non cambierà, un paesaggio che rimarrà immutato. Fotografare è rubare un secondo di vita, è cercare di andare oltre…